Registrato nel Comune di Traversetolo, a seguito di una puntura di un insetto infetto una donna ha contratto la Leishmaniosi cutanea. Come prevedono le linee guida regionali, in questi giorni sarà messa in atto dal Servizio Veterinario dall’Azienda USL di Parma una sorveglianza per verificare che nessun cane della zona sia affetto o portatore di questa parassitosi. La zona interessata al controllo è un’area di 300 metri di raggio intorno all’abitazione della signora, peraltro già guarita a seguito di un trattamento con antibiotici. Sono poco più di 100 i proprietari di cani che vedranno recapitarsi la lettera che li invita a presentarsi dal proprio veterinario di fiducia per sottoporre il proprio amico a quattro zampe ad un prelievo di sangue. Nella lettera sono, inoltre, indicate le misure preventive da adottare per gli animali, come l’uso di antiparassitari spray o collari e custodia al chiuso nelle ore notturne, e le misure di prevenzione per l’uomo: uso di repellenti cutanei, applicazione di zanzariere a maglie fini alle finestre.

La Leishmaniosi è una malattia causata da un protozoo leishmania infantum e trasmessa da un vettore Flebotomo, anche detto pappatacio, principale via di trasmissione. Per saperne di più, leggi qui il nostro approfondimento su questa grave patologia nei cani.