Nuovo report dell’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente): il rapimento dei cani diventa un business, uno ogni 15 minuti. La denuncia arriva anche da Quinta Colonna e Libero che spiegano come i cani vengano direttamente prelevati dalle abitazioni o dai giardini per poi scomparire nel nulla. A volte vengono addirittura rubati direttamente al guinzaglio dalle mani del padrone e la maggior parte dei furti sarebbe riconducibile a bande organizzate di rom. Spesso si tratta di furti su commissione, attraverso organizzazioni criminali i cani poi vengono smistati in “allevamenti” nei paesi dell’est, altri venduti al nord. Purtroppo per alcuni il destino è ancora più crudele: destinati a vivisezione clandestina o tramutati in corrieri della droga.

Un vero e proprio business da 5-7 milioni all’anno.